Ecco qualche ragione perché un caricabatteria ad alta frequenza è la migliore scelta per te

08 Giugno 2019

Lo sviluppo della prima batteria al piombo ricaricabile da Gaston Planté nel 1859 è stato un passo importante per il mondo delle batterie.

Il suo primo modello era composto da un cilindro di due piastre di piombo puro, separate da un panno di lino e immerse in un barattolo che conteneva acido solforico diluito. Caricando e scaricando ripetutamente, Planté ha ottenuto una certa capacità. Questo principio è stato migliorato durante gli anni successivi fino alla batteria come la troviamo oggi nelle nostre macchine. Al giorno d'oggi, le batterie hanno diverse applicazioni, anche nell'industria della movimentazione dei materiali. Infatti, ci sono sempre più macchine con motore a combustione che vengono sostituite da esemplari elettrici e questi vengono azionati, proprio, da batterie ricaricabili

BUON CARICAMENTO DELLE TUE BATTERIE

Quando è il momento di caricare una batteria scarica, bisogna farlo con il caricabatteria più adatto. Caricare nel modo giusto significa che la batteria riceve la giusta quantità di energia nel periodo di tempo prestabilito. Chi disporrà di 8 ore dovrà aggiungere in questo tempo più energia alla batteria di altri che invece avranno a disposizione 12 ore. Di solito è l'intensità della corrente di carica e scarica ad influire sulla durata della batteria . Più alto è il valore della corrente, più calda diventerà la batteria durante la carica, il che può risultare nocivo per la batteria stessa. Per questo, è necessario usare un caricabatteria adatto.

SCEGLIERE UN CARICABATTERIA A BASSA FREQUENZA O AD ALTA FREQUENZA?

Ognuno conosce i caricabatteria a bassa frequenza, in gergo noti come caricabatteria convenzionali. Questi sono riconoscibili dal loro grande formato e dal peso non indifferente. Nonostante la loro fama, questi caricabatteria sono obsoleti. Producono una gran quantità di calore e perdono oltre il 30% della loro capacità proprio a causa della dispersione del calore. Per questo motivo, non sono redditizi. In media, questo tipo di caricabatteria carica la tua batteria solo per il 70%, il che non è molto efficace. 

I caricabatteria ad alta frequenza al contrario sono più leggeri, compatti e raggiungono un'efficienza molto più alta (87%!). Questo tipo consuma quindi di meno, per cui pagherai di meno alla fine. La migliore scelta per te è dunque sicuramente un caricabatteria ad alta frequenza! Questi caricabatteria utilizzano in media correnti di carica più basse e più adeguate di quelli convenzionali. Inoltre, sono in grado di scegliere i parametri giusti che corrispondono in quel momento alla batteria. Un vantaggio secondario è che questo tipo consuma molta meno energia e non ha un alto picco in fase di accensione. I caricabatteria a bassa frequenza consumano di più nell'accendere, per cui i costi subiscono un notevole aumento.

Lavorare con caricabatteria ad alta frequenza fornisce quindi molti vantaggi: 

  • risparmio di energia massimale
  • durata più lunga della tua batteria
  • meno surriscaldamento della batteria
  • più basso consumo di acqua
  • peso leggero e grandezza ridotta

Scegliendo un caricabatteria ad alta frequenza, risparmi dunque molti soldi e molta energia! 

high-frequency chargers

CALCOLA IL TUO BENEFICIO

Sei curioso di sapere qual'è la somma che puoi risparmiare utilizzando un caricabatteria ad alta frequenza al posto di uno convenzionale? Attraverso il calcolatore di efficienza sul sito web Energic Plus, puoi facilmente calcolare a quanto ammonterà il tuo risparmio. Completa tutti i campi e vedrai immediatamente la somma del risparmio annuale. Calcola velocemente il tuo vantaggio!

Charlotte, TVH blogger

 

Possiamo aiutarti?

Se hai domande, prego compila il modulo.